Il Panfilo
Attività commerciale camuffata da associazione senza fini di lucro scoperta a Ortona dalla Guardia di Finanza
Guardia di finanza ortona
13 le persone deferite all'autorità giudiziaria
16/11/16

I finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Ortona, al Comando del Luogotenente Virgilio Cornacchio, nell’ambito di specifiche attività informative volte al contrasto dell’evasione fiscale e degli illeciti che provocano nocumento alla spesa pubblica nazionale, hanno portato a compimento una vasta ed articolata indagine di polizia tributaria con l’esecuzione di una verifica fiscale nei confronti di un’associazione senza fini di lucro operante nel campo della Pubblica Istruzione. L’attività ispettiva ha permesso di appurare e dimostrare l’uso distorto della qualifica di associazione quale schermo giuridico per celare una vera e propria attività commerciale. Invero, le scuole - paritarie e accreditate - gestite dall’associazione svolgevano una mera attività commerciale con fini di lucro attraverso l’occultamento all’erario di una massa imponibile pari a circa 250.000,00 euro, recuperata a tassazione. Le attività investigative hanno permesso, altresì, di riscontrare l’impiego irregolare del personale scolastico docente e ausiliario che ha lavorato nelle strutture scolastiche, senza regolare assunzione. Sono state segnalate le relative posizioni alla competente Direzione territoriale del lavoro per il giusto inquadramento normativo. Nel passato, la scuola era stata già condannata per utilizzo di personale “in nero”. Gli ulteriori approfondimenti indagativi hanno evidenziato la quasi totale mancanza dei requisiti previsti dalla normativa per il riconoscimento della parità scolastica, nonché dell’accreditamento delle strutture, riconoscimenti che danno diritto ad accedere ai contributi pubblici erogati dal MIUR e dalla Regione Abruzzo per la gestione delle scuole ed il miglioramento dell’offerta formativa. La trasversalità delle investigazioni, nel settore della spesa pubblica, ha permesso, inoltre, di individuare comportamenti illeciti più complessi mediante ottenimento di contributi pubblici indebiti per circa 185.000 euro. Dell’accaduto sono stati informati sia la Procura Regionale della Corte dei Conti nonché gli Enti erogatori dei contributi al fine di procedere al recupero di quanto illecitamente percepito dalle strutture e, contestualmente, alla revoca dei riconoscimenti concessi. In conseguenza di quanto sopra sono state deferite all’Autorità Giudiziaria, a vario titolo, 13 persone, tra le quali i gestori dell’associazione e i Funzionari Pubblici preposti alla vigilanza in merito alla regolarità della gestione delle scuole. Il risultato di servizio conferma l’elevato livello di attenzione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Chieti, diretto dal Colonnello Serafino Fiore, a tutela delle Entrate e della Spesa Pubblica ove si persegue l’obiettivo di salvaguardare il corretto impiego dei fondi pubblici.