Di Ninni
Muro delle Lame, Spadano: "Ultimamente i cedimenti sono evidenti, speriamo che in Regione e a Roma diano ascolto a noi e agli amministratori"
Frana Muro delle Lame
Forte: "Tempi della burocrazia lunghissimi. E' stato chiesto di sbloccare i 370mila euro già stanziati per la zona sottostante la chiesa di Sant'Antonio"
15/04/18

Frana al Muro delle Lame. Obiettivi puntati sulla zona.  "Che quest'area abbia bisogno di aiuto è fuori dubbio", dice Eugenio Spadano presidente del circolo tennis. "La zona è da sempre franosa e ultimamente i cedimenti sono evidenti. L'assessore Gino Marcello ha fatto diversi sopralluoghi come pure Peppino Forte. Va dato atto ai due amministratori di essersi prodigati per evitare il peggio. Speriamo che chi di dovere in Regione e a Roma dia loro ascolto", dice Spadano.

Peppino Forte conferma l'attenzione del Comune al problema. "Quello che accade al Muro delle Lame", dice l'assessore ai lavori pubblici "è noto sia all'ingegnere del Genio civile Nicola Masciarelli che al responsabile dei Lavori pubblici della Regione, Emilio Primavera. Non essendoci soldi (occorrono 400mila euro) il Comune ha chiesto alla Regione di utilizzare i 370mila euro già stanziati per la zona sottostante la chiesa di Sant'Antonio. Dopo un sopralluogo compiuto personalmente, l'ingegnere Primavera ha sollecitato personalmente il ministero a sbloccare la somma più gli 800mila euro che servono per risanare la zona della Loggia Ambingh. Purtroppo i tempi della burocrazia sono lunghissimi", dice Forte rammaricato per la fase di stallo

Collegamenti