Italiangas san salvo
Autopsia sul corpo di Di Marco, si sospetta la morte per overdose, il sindaco Marinucci: "Spero che le indagini riescano a far luce sull'accaduto"
Ospedale Chieti
Nei prossimi giorni saranno ascoltati eventuali testimoni che possono essere utili alle indagini
19/04/18

E' in programma questa mattina a Chieti l'autopsia sul corpo di Giuseppe Di Marco, l'operaio di 38 anni trovato morto dai carabinieri in un casolare di campagna in contrada Fonticelli, alla periferia del paese. Ieri il sostituto procuratore Michele Pecoraro ha affidato la perizia legale all'anatomo patologo Pietro Falco. La posizione del corpo e gli oggetti trovati in casa fanno ipotizzare una morte per overdose. Accanto al corpo senza vita infatti i carabinieri hanno trovato una siringa. I militari hanno posto la casa sotto sequestro e così pure l'autovettura della vittima lasciata all'esterno della casa. Vicino all'auto gli investigatori hanno trovato anche il cane dell'operaio. L'uomo lo aveva lasciato fuori e si è chiuso dentro. A lanciare per prima l'allarme è stata la mamma del trentottenne.

La donna ha avvisato un parente che ha raggiunto il casolare facendo purtroppo l'amara scoperta. L'autopsia stabilirà anche il giorno in cui è avvenuta la morte. Non è escluso che la morte risalga a lunedi sera. Al momento della morte Di Marco aveva le luci accese.

Ex operatore ecologico, dopo la morte del padre, l'operaio si era chiuso in se stesso. I carabinieri cercheranno di ricostruire gli ultimi giorni di vita dell'operaio e scoprire dove e come eventualmente l'uomo si è procurato la dose risultata letale. La posizione del corpo fa ipotizzare un improvviso arresto cardiaco. Il trentottenne infatti è stato trovato sul pavimento. La morte deve essere arrivata all'improvviso senza dargli il tempo di chiedere aiuto. Il comandante della Compagnia dei carabinieri di Ortona, Roberto Ragucci, vista la delicatezza del caso ha disposto il massimo riserbo.

Nei prossimi giorni saranno ascoltati eventuali testimoni che possono essere utili alle indagini. Altrettanto utile sarà il risultato dell'esame autoptico. Pietro Falco compirà anche il prelievo dei liquidi biologici i cui risultati saranno forniti fra 60 giorni. Al termine dell'autopsia oggi il corpo di Giuseppe Di Marco sarà riconsegnato alla famiglia per le esequie. L'uomo lascia una figlia di 17 anni. La sua morte ha colpito molti cittadini. Lo stesso sindaco Filippo Marinucci ha espresso la sua vicinanza e il cordoglio alla famiglia dell'operaio auspicando che le indagini in corso riescano a fare piena luce sull'accaduto risalendo ai responsabili del malore letale.

P.C.

Collegamenti