Di Ninni
Dopo la protesta dei sindaci, gli operai della Provincia e dell'Anas hanno ripulito dalle erbacce la zona vicina al casello Vasto Nord della A14
Sindaci del vastese
I sindaci attendono il passaggio più importante, la sistemazione dell'asfalto
17/05/18

Ieri mattina gli operai della Provincia e dell'Anas hanno provveduto allo sfalcio dell'erba all'uscita del casello Vasto Nord della A14 e attorno alla rotonda che immette sulla Statale 16. Ma non basta. I sindaci attendono il passaggio più importante, la sistemazione dell'asfalto. Lo hanno detto e ripetuto anche nel corso della riunione per l'approvazione del conto consuntivo che si è tenuta a Chieti.

"I sindaci", spiega il primo cittadino di Palmoli, Giuseppe Masciulli presente alla riunione "hanno chiesto conto e ragione del fatto che la somma di 300mila euro a disposizione per le urgenze fosse stata impegnata nel Sangro e a Ortona lasciando il Vastese a bocca asciutta. Il nostro territorio non ha una copertura e per questo motivo abbiamo abbandonato l'aula in segno di protesta. Siamo pronti a protestare ancora", dice Masciulli.

Il sindaco di Torrebruna, Cristina Lella non ha potuto partecipare al sit-in di martedi mattina per motivi di lavoro ma si associa alla protesta. "Più che una protesta", dice la Lella "è una richiesta di cure urgenti. L' Alto Vastese è ai limiti dell'isolamento. Capisco che i fondi siano pochi e che è difficile fare un elenco delle urgenze ma qui la situazione è davvero da terzo mondo. Si rischiano gravissimi incidenti. Questa terra è stata trascurata un pò troppo".

La situazione della viabilità nel vastese, nella sua drammatica criticità è stata oggetto anche di una interrogazione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, Carmela Grippa e Gianluca Castaldi. "La situazione", si legge nella nota dei pentastellati firmata anche dal consigliere regionale Pietro Smargiassi "è chiara a noi tutti. E' un disastro. La Provincia cosa fa? Prova a sterzare all'ultimo momento, per evitare le buche profonde della propria inefficienza programmatica e di gestione, sperando di non dare troppo nell'occhio. La speranza è che l'attesa del Masterplan Abruzzo ( 9 milioni di euro previsti per l'area vastese dal Decreto del presidente della Provincia di Chieti n. 26 del 27 febbraio 2018) non diventi un alibi per l'immobilismo".

P.C.

Collegamenti