Italiangas san salvo
Lo scalo portuale di Punta Penna è stato scelto come scalo di riferimento per la "green economy" internazionale
Porto di vasto punta penna
A Punta Penna aumenteranno arrivi e partenze di mercantili carichi di materiali per le attività economiche ambientali provenienti da tutto il globo
14/06/18

Lo scalo portuale di Punta Penna è stato scelto come scalo di riferimento per la "green economy" internazionale. Grazie alle innovazione apportate nel bacino e ad un accordo siglato dall'agenzia Galli di Manfredonia e l'agenzia marittima di Vasto, a Punta Penna aumenteranno arrivi e partenze di mercantili carichi di materiali per le attività economiche ambientali provenienti da tutto il globo.

Ieri mattina ha attraccato alla banchina istoniense la nave Celine, un mercantile della General Cargo Ship lungo 90 metri carica di pale eoliche per l'Alto Vastese. Il mercantile, che naviga attualmente sotto la bandiera della Liberia, è arrivato dalla Spagna. L'equipaggio ha scaricato centinaia di pali per l’energia eolica destinata all'Alto Vastese.

Anche al passante più distratto ormai non sfugge il ritrovato dinamismo del bacino portuale. Punta Penna ha ripreso a lavorare con grandi ritmi. Se, come confermato dal comandante dell’Ufficio circondariale marittimo Cosimo Rotolo la scorsa settimana, il 2017 è stato un anno record per il porto di Vasto con un movimento merci di 580.000 tonnellate, il 2018 promette ancora meglio.

L'arrivo della ferrovia e l'imminente dragaggio dei fondali sono altri due tasselli che contribuiranno allo sviluppo del porto contestualmente al rilancio economico della città.. 

Nel progetto delle connessioni marittime verso Spagna e Croazia attraverso il “ponte di terra” che collegherà le regioni Abruzzo e Lazio per incrementare i traffici commerciali e turistici, Punta Penna avrà un ruolo di tutto rispetto.

P.C.
 

Collegamenti