Di Ninni
Celebrato il 244° Anniversario della Fondazione del Corpo della Guardia di Finanza
Anniversario guardia di finanza
Presentati i risultati operativi da gennaio 2017 a maggio 2018, particolare attenzione alla ricostruzione post sisma
26/06/18

Nel pomeriggio di ieri, in Pescara, presso la caserma “Vice Brigadiere Ermando Parete”, sede del Reparto Operativo Aeronavale e del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza, è stato celebrato, con sobria ma solenne cerimonia, il 244° Anniversario della Fondazione del Corpo della Guardia di Finanza.

La cerimonia ha avuto inizio con la deposizione di una corona di fiori, da parte del Comandante Regionale Abruzzo, Gen. B. Flavio Aniello, alla targa commemorativa intitolata al V.Brig. Ermando Parete, eroica Fiamma Gialla sopravvissuta all’Olocausto, e, a seguire, al monumento eretto in onore delle vittime di Rigopiano.

Nel corso della commemorazione - alla quale ha preso parte una rappresentanza di finanzieri in servizio -, il Comandante Regionale, al termine della lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e dell’Ordine del giorno del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi, ha tenuto, alla presenza delle massime Autorità civili, militari e religiose, un breve ma significativo discorso sullo stato attuale dell’economia abruzzese e, in quel contesto, sul delicato ruolo delle investigazioni tipiche della Polizia economico finanziaria, sottolineando il fatto che, nell’operare quotidianamente a tutela ed “a fianco” dei cittadini onesti, per costruire insieme un futuro migliore per le nuove generazioni, non si è mai lesinato in attenzione, sensibilità e “comprensione” nei confronti dei contribuenti.

La cerimonia è proseguita con la premiazione dei militari dei Comandi Provinciali abruzzesi e del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, che si sono particolarmente distinti nei vari settori di servizio durante l’ultimo anno.

La Festa Anniversaria costituisce, tradizionalmente, anche occasione per tracciare un bilancio del lavoro svolto nei primi cinque mesi dell’anno in corso, unitamente all’intero anno 2017.

La strategia d’azione della Guardia di Finanza si articola su Piani Operativi, attività investigativa e controllo economico del territorio.

I Piani Operativi sono indirizzati alla realizzazione di programmi di interventi mirati sulle più pericolose manifestazioni d'illegalità. Sono 48 quelli previsti per il corrente anno 2018, distinti nei 3 obiettivi strategici affidati al Corpo, per il “Contrasto all'evasione, all'elusione e alle frodi fiscali” (21 Piani), per il “Contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica” (10 Piani) e per il “Contrasto alla criminalità economica e finanziaria” (17 Piani).

L’attività investigativa scaturisce, in prevalenza, da indagini di polizia giudiziaria riferite ai più gravi reati in campo economico e finanziario, e dallo sviluppo dei predetti Piani Operativi.

L’azione di controllo economico del territorio viene assicurata attraverso un dispositivo di intervento unitario, che integra tra loro le diverse componenti territoriali, investigativa, aeronavale e speciale del Corpo.

Ciò ha permesso, finora, di conseguire, nei diversi comparti della missione istituzionale, importanti risultati.

In Abruzzo, particolare attenzione è stata rivolta alla prevenzione e repressione di condotte illecite legate alla ricostruzione, sia pubblica che privata, a seguito del tristemente noto evento sismico dell’aprile del 2009 e di quello più recente, avvenuto nel gennaio dello scorso anno.

L’importanza di questo contesto ha determinato la previsione di un Piano Operativo esclusivo per tali fenomeni.

Relativamente all’anno 2017 ed ai primi cinque mesi dell’anno 2018, sono state svolte 88 indagini di Polizia Giudiziaria e 1.128 accertamenti, che hanno consentito di segnalare all’Autorità Giudiziaria 58 soggetti (di cui n. 1 tratto in arresto) e rilevare circa 9.500.000 euro di contributi illecitamente richiesti e/o percepiti, su un totale di circa 40.000.000 di euro di appalti controllati. Sono stati effettuati sequestri per un valore totale pari a 2.652.523 euro e confische per 1.671.128 euro, con un danno erariale totale accertato pari a circa 12.000.000 di euro.

Collegamenti