Di Ninni
Aqualand, la minoranza consiliare: "Cosa dovrebbe fare la Regione?"
Aqualand del Vasto
"La mancata apertura è una scelta imprenditoriale del gestore"
30/06/20

Siamo contenti che, come noi, anche alcuni consiglieri di maggioranza, a differenza ed in contrasto con il Gruppo del PD, abbiano a cuore la riapertura del nostro Parco Acquatico e il rispetto della convenzione da parte del Concessionario. Nel contempo, però, non comprendiamo cosa dovrebbe fare la Regione per facilitarne la riapertura. Infatti, la Regione Abruzzo, ha emanato con largo anticipo i protocolli di sicurezza per i Parchi tematici, rendendosi disponibile a rivederli in alcune parti, previo esame delle proposte dei gestori. Da allora "Aqualand del Vasto" non ha inviato alla Regione alcuna proposta, mentre il "Parco Onda Blu" della vicina Tortoreto ha confermato l'apertura per il prossimo 4 luglio.
È evidente, allora, che la mancata apertura non sarebbe legata ad alcuna impossibilità oggettiva all'esercizio dell'attività, ma ad una mera scelta imprenditoriale del gestore in violazione del periodo minimo di apertura stagionale previsto in convenzione (1 luglio-31 agosto). Invitiamo, pertanto, l'Amministrazione Menna e per lei i consiglieri di maggioranza che, a differenza di quelli del PD, hanno a cuore la riapertura del Parco, a sollecitare il gestore al rispetto della convenzione per tutelare l'occupazione, l'economia del territorio e il nostro patrimonio comunale.
Francesco Prospero (FDI), Vincenzo Suriani (FDI), Davide D'Alessandro (Lega), Alessandra Cappa (Lega), Alessandro D'Elisa (Misto), Edmondo Laudazi (Nuovo Faro), Guido Giangiacomo (FI)

Collegamenti